2009/2010: una stagione fantastica

Contemporaneamente all'ulteriore sviluppo e alla crescente popolarità del website ufficiale, una finestra quotidiana e aggiornatissima sul mondo e sulla storia del Real Turania, si apriva la nuova stagione agonistica.

Finalmente senza più elementi di disturbo interno a remare subdolamente contro la squadra, il Real si presentava ai blocchi di partenza con l'intenzione di sudare e lottare in ogni angolo del campo, e in ogni minuto di ogni partita per raggiungere obiettivi ambiziosi e capovolgere le gerarchie di un torneo in cui avversarie come Cineto Romano, Nuova Polisportiva Agosta e Pro Tivoli vantavano ritiri precampionato e disponibilità economiche rilevanti.

A una squadra collaudata e tecnicamente competitiva, una Società stabile, un organigramma dirigenziale competente, un tifo assiduo e disciplinato, e una guida tecnica di primissimo livello come quella fornita dal ritorno di Mr. Valentini si aggiungevano il rapido e proficuo innesto dei giovanissimi Bosco Alessandro, Caponera Daniele, Cara Paolo, Cortellessa Mario, e Sperduto Mirko, e i grandi ritorni di Piccioni Fabrizio (Piccioneeee), e dell'inesauribile Petrucci Valerio.

Tra emozione, aspettative e concentrazione l'avvio di campionato era sommerso dal grande entusiasmo e dalla sorpresa per l'entrata in scena della Turania Casual Firm, un gruppo di tifosi formato da ragazzi turanensi, che con bandiere, cori e striscioni avrebbero accompagnato tutte, o quasi, le gare del campionato del Real.

Bel gioco, tecnica, agonismo, grande amalgama e la mano inconfondibile di Mr. Valentini consentivano al Real di raggiungere il primo posto in classifica alla 5^ giornata, e disputare un girone d'andata da zona Uefa.

Domenica dopo domenica, accompagnato dagli storici tifosi e dalla Casual Firm, il Real cresceva per qualità di gioco e inanellava una serie record di 11 risultati utili consecutivi (6 vittorie e 5 pareggi) volando al 4° posto in graduatoria.

La squadra viveva momenti di grande valore sportivo: il pareggio casalingo contro l'inarrestabile Cineto, stoppato all'87' da un rigore parato da Masci; la splendida vittoria 2-1 contro il Marano in una delle migliori prestazioni della storia Real; il 3-2 contro la Pro Tivoli, con molte assenze ma grandissima grinta e volontà; l'eclatante 8-1 sulla Tiberiana, esaltato dalla storica doppietta di Abrusca nel delirio di compagni e tifosi.

Una stagione carica di emozioni collettive come la gioia per il primo gol di Bosco e Paolillo, le risate negli spogliatoi per gli indumenti intimi eccessivi di Cara, il divertimento nelle feste di presentazione e fine stagione, il pathos nelle partitelle del Mercoledì in allenamento, e la grandissima amalgama nelle gare di campionato.

Una stagione estremamente positiva, durante la quale tutto l'ambiente dava prova di grandissima preparazione, educazione, concentrazione e dedizione, e in cui tutti, a loro modo, contribuivano al raggiungimento del record societario di 44 punti e del 5° posto finale in campionato, alla qualificazione alla Coppa Lazio 2010/2011, e all'ancora più fantastico e significativo 16° posto assoluto in Coppa Disciplina tra le 265 Società partecipanti alla 2^ Categoria.